Opera sempre più grande

Logo opera

Logo opera

Record di download per Opera 11, la nuova versione del browser che solo da un anno cerca di farsi spazio nella vasta concorrenza. E, a quanto pare, sembra proprio che ci stia riuscendo molto bene. Rilasciata da soli due giorni la nuova Opera 11 è stata scaricata ben 6,7 milioni di volte: un vero e proprio successo. Il browser ha sorpassato il precedente record che era stato detenuto sin ora dalla solita Microsoft che, con il suo Internet Exporer 9 aveva avuto “soltanto” 2 milioni di download nelle prime 24 ore dal suo debutto.

A cosa sono dovuti questi grandi numeri? Indubbiamente da una campagna marketing divertente, in cui appariva una fetta di pancetta che invitava gli utenti a provare la nuova versione del browser, ma anche alle tante novità introdotte, come il mouse gesture, che ci permette di andare avanti ed indietro nella navigazione, oltre che aprire e chiudere le schede, soltanto spostando in alto, in basso, a destra o a sinistra il mouse, oppure i tanti Add On finalmente presenti o, ancora, una gestione mail integrata con newsletters e ciò che preferiamo.

Leggi tutto »

Lux aurumque, la prima grande opera musicale virtuale

Eric Whitacre

Eric Whitacre

Forse non avete mai sentito parlare di Eric Whitacre, un compositore statunitense che, da come capirete, è interessato al mondo dei new media e dei social networks in particolare. Ma da oggi in poi il suo nome vi ricorderà qualcosa. L’uomo ha infatti creato, Lux aurumque, la prima grande opera musicale virtuale. Ha, infatti, messo gli spartiti del brano su internet in modo tale che ognuno dei 185 coristi avesse potuto averne uno davanti agli occhi. Tutti i membri del coro, armati di webcam e del loro talento hanno singolarmente cantato il brano

Tra i vari video postati, poi, Eric Whitacre ha scelto la soprano solista, Melody Meyers, in quello che potremo definire un vero e proprio casting online!

Leggi tutto »

Il calo di Internet Explorer

chrome_internet_explorerUn’indagine pubblicata in questi giorni da Net Application ci rivela quali sono i web browser più utilizzati dal grande popolo di internet, evidenziando così aspetti molto curiosi. La notizia principale conferma i trend dello scorso anno: Internet explorer è in netto ed evidente declino. Il browser della Microsoft, che per altro è preinstallato nella maggior parte dei PC, ha subito un calo nell’ultimo decennio, passando dall’essere usato dal 90% al 55% degli utenti di Internet. La causa principale di questo inesorabile declino risiede nella grande presenza di alternative di livello che si stanno affacciando sempre in maniera più massiccia nel grande mercato del web, tra cui troviamo Firefox, Chrome, Safari ed Opera. Il primo si aggira oramai intorno al 25-30 % sta avendo un grosso successo in particolar modo in Europa, mentre Safari (destinato al Mac) e Opera (intorno al 2%) restano stazionari. Chrome, il browser di Google, invece, sta prendendo sempre più campo, passando in un anno dallo 0,9% al 5,4% ed iniziando così a diventare un potenziale concorrente di Explorer e Firefox.

Leggi tutto »

Arte e Avatar che si incontrano su Twitter

wolveQuando l’avatar incontra l’arte. Questo è il caso di colui che all’anagrafe appare come Adam Koford, ma il cui pseudonimo d’artista è Ape Lad. Le sue opere sono un pò particolari: lui ha, infatti, disegnato una serie di avatar per il famoso social network “Twitter”. Il tutto basandosi, ovviamente, sulle linee guida che caratterizzano l’uccellino di Twitter. Li potete trovare cliccando sul link http://www.flickr.com/photos/apelad/sets/72157622662466829/

Ognuno è ispirato a personaggi reali o di fantasia, oppure liberamente tratti dall’ispirazione del grande Ape Lad. Possiamo trovare avatar ispirati a Buzz Lightyear, Yoda, Wolverine o Fry di Futurama.ypda

Leggi tutto »

11 milioni di download in tre giorni per il browser Safari di Apple

In una nota di Apple si legge che il browser Safari è stato scaricato undici milioni di volte nei tre giorni dal suo lancio, compresi sei milioni di download della versione Safari per Windows. La compagnia spiega che Apple ha scommesso su Safari 4 per la sua velocità e per la tecnologia avanzata tra cui l’engine Nitro JavaScript, il quale è in grado di eseguire JavaScript con una velocità superiore otto volte rispetto a Internet Explorer 8 e quattro volte rispetto a Firefox 3.Internet Explorer di Microsoft è utilizzato per circa il 60% del traffico Internet globale, mentre Firefox di Mozilla ha quasi il 30% e Opera è al 4%, appena sopra Google e Safari, secondo quanto riporta la società di analisi web StatCounter.