Il curioso esperimento giornalistico su Twitter e Facebook

Cinque giornalisti, e più esattamente un canadese, uno svizzero, un belga e due francesi di cinque differenti stazioni radiofoniche si riuniranno dal 1 al 5 Febbraio in una fattoria del Perigord in Francia per eseguire un interessante esperimento dal titolo “Huis clos sur le net”.

visu422x170

Solo due legami con il mondo esterno, ovvero Facebook e Twitter per dimostrare se le informazioni che si trovano in questi due social network  sono vere oppure no e che ruolo esse ricoprono nel mondo dell’informazione via web. Ovviamente i cinque annoteranno su di un proprio blog comune le loro esperienze e senzazioni, oltre, naturalmente, a tenere contatti con le loro emittenti radio, con cui avranno un rapporto esclusivo.

Aspettiamo con curiosità i risultati di questa ricerca!

Leggi tutto »

Informazione a pagamento per il Wall Street Journal

Secondo Robert Thomson, caporedattore del Financial Times e della Dow Jones, pare che Rupert Murdoch sia intenzionato a far pagare l’accesso alle news on line del suo gruppo editoriale.Il magnate dell’editoria sta studiando un sistema di micropagamenti per l’accesso ai singoli articoli e una serie di abbonamenti premium che gli utenti potranno sottoscrivere per ottenere pacchetti di news pubblicati sul sito del Wall Street Journal.

Il sistema dovrebbe attivarsi entro la fine dell’anno. L’utente dovrà pagare pochi centesimi di dollaro per ogni singola news, una cifra più alta per consultare materiale specifico, circa 100 dollari l’anno per l’accesso a tutti i contenuti del Wall Street Journal.
I professionisti del settore consideravano già da tempo la possibilità di far pagare i contenuti editoriali pubblicati sul web. Sarà il Wall Street Journal a intraprendere con decisione questa strada. Secondo altri addetti ai lavori, l’unico modo per stimolare gli utenti a pagare per l’informazione è quello di puntare sulla qualità della notizia. Altri optano, invece, per l’integrazione di contenuti di qualità ed “extra”, che siano cioè esclusivi.
In Italia si pensa che considerare un sistema di abbonamento comporterebbe un calo consistente dei ricavi pubblicitari. Forse il sistema di micropagamenti ideato da Murdoch ha una possibilità di riuscita solo nell’informazione specializzata, (di settore come quella finanziara) e non in quella generalista. Agli utenti l’ardua sentenza…