Anche il New York Times online presto a pagamento?

In questi giorni fonti interne al New York Times hanno rivelato che, dopo altri quotidiani statunitensi, nel 2011, anche il maggiore giornale statunitense abbandonerà la formula della lettura gratuita online in favore di quella a pagamento. Questa scelta sarebbe dovuta alla crescente diffusione di prodotti tecnologici che rendono possibile la lettura dei giornali online in particolare guardando all’uscita del nuovo iSlate di Apple.

1102355_my_daily

Già lo scorso Ottobre, il giornale di New York e Long Island “NewsDay”, aveva deciso di passare dalla formula gratuita a quella a pagamento, con un abbonamento settimanale a 5 dollari mentre annuale a 260. Il risultato? Solo 35 abbonamenti, un dato da far rabbrividire chiunque editore e che fa meditare qualsiasi lettore: sarà questo il vero addio all’informazione free?

Leggi tutto »

Murdoch: un prezzo per l’informazione

ny times2
In controtendenza con quanti sostengono che l’informazione debba essere libera ed accessibile a tutti, sopratutto se il processo avviene tramite media digitali come Internet, Rupert Murdoch, il magnate della News Corp, adotta invece una visione diametralmente opposta.

Murdoch, infatti, dice basta all’informazione on-line, gratuita e realizzabile da con il contributo di chiunque e, per preservarne la qualità, auspica un ritorno delle forme tradizionali di informazione e l’accesso ad esse previopagamento.

Internet e i nuovi strumenti del Web 2.0 hanno permesso di creare una rete di informazione ricca, ma spesso poco attendibile o di basso livello ed il suo successo però è stato decretato anche dal fatto che si tratta di un media assolutamente gratuito e quindi che risponde in pieno alle esigenze di oggi in pieno periodo di crisi economica.

Leggi tutto »